un nuovo talento gioca

Calcio, Serie B: il nuovo talento italiano gioca all’ombra della ….

by Valentino Valentino
0 comment Logo Serie B / foto Daniele Buffa/Image Sport

Il nuovo talento del calcio italiano gioca all’ombra della “Lanterna”

Il nuovo talento del calcio italiano gioca in serie B, all’ombra della “Lanterna”. Dopo il gol segnato il 6 aprile nel big match della trentaduesima giornata di Serie B tra Palermo e Sampdoria, il nome di Giovanni Leoni ha iniziato a rimbalzare sui giornali. In effetti, per il calcio italiano un minorenne che riesca a giocare con continuità tra i professionisti è una novità, figuriamoci se riesce anche a segnare. Così, hanno iniziato a comparire le interviste a chi lo ha visto crescere. Ma anche gli articoli riguardanti l’immancabile interesse di mercato di Inter e Juventus e tanti altri.

Classe 2006, nato il 21 dicembre, Leoni aveva già esordito tra i professionisti durante la scorsa stagione, quando vestiva la maglia del Padova, la squadra nella quale giocava da quando aveva tredici anni. Vincenzo Torrente, tecnico dei biancoscudati, gli aveva concesso qualche minuto in una gara di metà marzo in casa dell’Albinoleffe.

Gioca a Genova il nuovo talento del calcio italiano

A distanza di un anno, il giovane si è inserito stabilmente nelle rotazioni della Sampdoria. Arrivato dal Padova a gennaio,  Leoni ha esordito il 3 febbraio contro il Modena, a partita in corso. La prima gara da titolare è arrivata alla ventottesima giornata, contro la Feralpisalò. Pirlo aveva iniziato la stagione con la difesa a quattro, ma da febbraio, inforcando il prontuario del bravo allenatore, ha deciso di affrontare la crisi di risultati passando al 3-5-2. La necessità di schierare un centrale in più, unita agli infortuni di Murru e Alex Ferrari, lo ha spinto a puntare per la prima volta dall’inizio su Leoni. In una difesa in cui già figurava un classe 2003 come Ghilardi, protagonista con l’Italia allo scorso Mondiale Under 20, questa sembrava una mossa azzardata. Invece …

Foto: profilo X Lazio

Da allora, Giovanni è sempre partito titolare, in un crescendo di prestazioni culminato con il gol di Palermo, che lo ha reso il secondo marcatore più giovane della storia della Samp. Eppure l’impatto con i blucerchiati era stato traumatico. Buttato nella mischia sul finale di gara contro il Brescia, alla sua seconda partita in Serie B, si era fatto saltare in testa al 94’ da Adorni, che aveva segnato il gol del pareggio.

Leoni, per fortuna, non si è demoralizzato, né Pirlo ha perso fiducia nei suoi confronti: “Era triste dopo la sfida contro il Brescia, però sono cose che deve imparare a superare dopo le partite”, ha dichiarato l’allenatore. “È normale che possa essere deluso ma gli ho detto che non era colpa sua. È un ragazzo intelligente con un futuro davanti, talmente bravo che si è fatto scivolare addosso quello che è successo e si è allenato bene”.

Il nuovo talento del calcio italiano veste la maglia blucerchiata

Pirlo e la Samp sono stati ripagati, e un giocatore come Giovanni invita a guardare con più ottimismo al futuro. Il fatto di agire da centrale di destra in una difesa a tre avrà sicuramente facilitato il suo inserimento, visto che gioca in un sistema dove può essere più istintivo, che gli offre maggior copertura e che quindi ne nasconde le sbavature. Detto che si tratta di un adolescente alle primissime apparizioni tra i grandi, le sue qualità fisiche e in uno contro uno sono apparse subito evidenti.

Misura già un metro e novantatré d’altezza e vista l’età sicuramente potrà crescere ancora. Le sue spalle sono larghe, le gambe, ovviamente, molto lunghe, ma nonostante ciò dispone di un’ottima mobilità.

Un talento, un vero talento che gioca, per ora, all’ombra della “Lanterna”.

(Fonte: l’Ultimo Uomo)

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

Logo Laziolive.tv

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich