Lazio

Lazio, Lotito su Luis Alberto: “Vuole andare via gratis? E invece no!”

by Barbara Beleggia
0 comment Claudio Lotito / Foto: profilo X SS Lazio

Lazio, Lotito su Luis Alberto: “Porti lui la squadra che lo vuole”

Lazio – Dopo il ds Fabiani, anche il presidente Claudio Lotito ha parlato in merito a Luis Alberto.

Luis Alberto / Foto: profilo X Lazio

Il patron biancoceleste ha parlato ai microfoni di Adnkronos in merito alle dichiarazioni che il numero 10 ha rilasciato dopo Lazio-Salernitana, facendo capire che non c’è alcuna possibilità di una rescissione del contratto. Queste le sue parole: “Luis Alberto? Probabilmente vuole andare via gratis. E invece no, ha un contratto di quattro anni, è un tesserato. Porti lui la squadra che lo vuole. Lui ha preteso un rinnovo l’estate scorsa, è il secondo giocatore più pagato della Lazio, il contratto viene sottoscritto ob torto collo, lui chiede altro, non si presenta al ritiro, come ricorderete tutti. E ora se ne esce con questa cosa, all’improvviso e senza dir nulla alla società. Se vuole andare via deve trovare la squadra che se lo compri.

Siamo una società quotata in Borsa, queste sono cose che determinano danni d’immagine ed economici. Lasciarlo andare a parametro zero da una società quotata significa depauperare il patrimonio e io mica sono matto, gli azionisti mi ammazzerebbero e avrebbero ragione“.

Lazio, Lotito su Tudor: “Non si lascia condizionare”

Il presidente Claudio Lotito si è espresso anche in merito al tecnico biancoceleste, confermando la sua fiducia in lui.

SS Lazio Tudor

Lotito e Tudor / Foto: profilo X SS Lazio

Queste le sue dichiarazioni: “Fortunatamente è uno di quegli allenatori che non si fanno condizionare da nessuno. Noi non buttiamo soldi dalla finestra. Le regole sono regole, sia civili sia penali, e vanno rispettate”.

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

Logo Laziolive.tv

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich