Una ferita ancora aperta, un ricordo a 21 anni dalla sua nascita

Il 21 marzo del 2002 nasceva a Roma Daniel Guerini, giovane talentuoso centrocampista cresciuto calcisticamente proprio nella SS Lazio. Successivamente ha militato nella Spal, nella Fiorentina e nel Torino da dove i biancocelesti lo hanno ripreso nel gennaio del 2021 per inserirlo nella squadra Primavera.

La gioia del ritorno nella sua città natale è stata stroncata, insieme ai suoi sogni, appena due mesi dopo il suo arrivo nella capitale. Il 24 marzo del 2021, ad appena 19 anni, Daniel perdeva la sua giovane vita in un incidente stradale avvenuto tra Via Palmiro Togliatti e viale dei Romanisti.

Il Torino, dove aveva giocato pochi giorni prima e la Lazio, si sono stretti attorno alla famiglia del ragazzo increduli di quanto successo.

La nota di cordoglio del Torino; “Il Presidente Urbano Cairo e tutto il Torino Football Club, increduli e profondamente addolorati, si stringono intorno alla famiglia Guerini per la tragica scomparsa di Daniel, nostro ex calciatore della formazione Primavera”.

La nota di cordoglio della Lazio; “Ancora increduli e sconvolti dal dolore il presidente, gli uomini e le donne della Società Sportiva Lazio si stringono attorno alla famiglia del giovane Daniel Guerini”.

Ai funerali, che si sono svolti nella chiesa di San Giovanni Bosco, oltre a tutta la Lazio Primavera, era presente la prima squadra, il Presidente del Torino Urbano Cairo e quello della Lazio Claudio Lotito e altre migliaia di persone accorse a dare l’ultimo saluto a Daniel.

Un enorme striscione della Curva Nord recitava così; “Quanno a sera s’addormenta er monno, Roma lo cullava in braccio ar sonno… Ciao Daniel.” Oggi Daniel avrebbe compiuto 21 anni. La redazione di Laziolive.tv si stringe al dolore della famiglia nel giorno del suo compleanno.

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

capitolo finale

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich