Napoli-Lazio, l’ex arbitro Marelli ammette l’errore

by Mauro Maniccia
0 comment Ci Napoli 03/03/2023 - campionato di calcio serie A / Napoli-Lazio / foto Carmelo Imbesi/Image Sport nella foto: Adam Marusic-Victor Osimhen

Napoli-Lazio, Marelli: “Sul contatto Cataldi-Di Lorenzo ammetto serenamente di aver sbagliato”

Dopo gli episodi di Napoli-Lazio, in cui è stato chiamato in causa in diretta, oggi l’ex arbitro Marelli è intervenuto a Radiosei per chiarire il suo punto di vista:


”Liberare dalle perplessità i tifosi è impossibile, sul  contatto Cataldi-Di Lorenzo ammetto serenamente di aver sbagliato, rivedo le immagini in pochissimo tempo e devo fare delle scelte.

L’arbitro ha fischiato fuorigioco su segnalazione dell’assistente, mi sono fidato del mio istinto, senza rivedere il contatto.

Sono andato a cercare l’offside segnalato di due azioni precedenti, ho sbagliato e non c’è nessun problema ad ammetterlo, in un campionato non si può interpretare tutto correttamente.

Sul gol annullato a Guendouzi, è fatta molta confusione, è stato inserito il concetto di giocata e deviazione che in questo caso non c’entra nulla.

Sarebbe stato così se il pallone fosse arrivato a Zaccagni, quella di Di Lorenzo è una deviazione, non una giocata.
È una regola inserita dopo il gol di Mbappé in finale di Nations League contro la Spagna.
Adesso questo gol sarebbe da annullare per fuorigioco. Il concetto da tenere presente è l’impatto sul difensore.
Paradossalmente se Zaccagni fosse stato in fuorigioco di tre metri quella rete sarebbe stata regolare perché non avrebbe impattato sul difensore.
Restando attaccato in questo modo, Di Lorenzo compiere un’azione di gioco completamente differente.
Non è possibile considerare regolare quell’azione, Zaccagni ha impattato sulla capacità di giocare il pallone dell’avversario”.

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

Logo Laziolive.tv

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich