Luigi Bigiarelli, oggi 116 anni dalla sua scomparsa: la Lazio lo commemora

by Barbara Beleggia
0 comment Luigi Bigiarelli / foto profilo X SS Lazio

La Lazio commemora Luigi Bigiarelli, oggi è il 116° anniversario della sua scomparsa

Oggi la Lazio commemora Luigi Bernardo Maria Saverio Bigiarelli, atleta e dirigente sportivo italiano, ma soprattutto il principale fondatore della Società Podistica Lazio nel 1900.

Luigi Bigiarelli / foto profilo X SS Lazio

Nato a Roma nel 1875, Bigiarelli era un vero amante dello sport, infatti fu detentore del campionato di corsa veloce del 1899, inoltre fu uno dei fondatori di tutto il movimento del podismo romano, diventando poi direttore di gare sportive e di nuoto. Questa sua passione per lo sport diede una svolta alla sua vita, infatti fondò la Società Podistica Lazio insieme ai suoi amici, che poi diventarono i suoi soci.

Luigi Bigiarelli, da atleta a fondatore della Lazio: il 9 Gennaio 1900 la data storica

Come già detto, Luigi Bigiarelli grazie al suo amore per la ginnastica, fondò la Società Podistica Lazio insieme a suo fratello Giacomo, Arturo Balestrieri, Odoacre Aloisi, Alceste Grifoni, Giulio Lefevre, Galileo Massa, Alberto Mesones ed Enrico Venier.

SS Lazio

Foto: profilo X Lazio

Il 9 gennaio 1900 sotto Piazza della Libertà a Roma, nasceva la nostra amata Lazio, che come emblema ha l’aquila imperiale, uno dei simboli delle legioni romane, e come colori il bianco ed il celeste, perché rievocavano la bandiera della Grecia moderna, patria delle Olimpiadi. Le attività della società si estesero in seguito all’atletica leggera, al nuoto e un anno dopo al calcio, diventato poi lo sport di punta della polisportiva, rappresentata dalla SS Lazio.

Oggi anche noi di LazioLive vogliamo ricordare Luigi, senza il quale nessuno di noi sarebbe qui a tifare ed amare la nostra maglia.

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

Logo Laziolive.tv

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich