Lazio, Provedel:” Voglio meritarmi la Lazio, Toldo il mio idolo”

by Fabrizio Di Marco
0 comment

Lazio, Provedel:” Voglio meritarmi la Lazio, Toldo il mio idolo”.

Ivan Provedel, portiere biancoceleste si è raccontato a Lazio Stayle 1900 Official Magazine, ecco le sue parole.

NONNI AMICI DI YASHIN – «Sì, confermo: vivevano in una stessa via di Mosca. Si conoscevano bene, mia nonna quando ero piccolo mi raccontava che li vicino abitava un grande portiere, Ho capito solamente anni dopo la sua grandezza».

PRIMO RUOLO – «Ho giocato come attaccante fino a 15 anni, avevo anche una discreta media realizzativa. Il gol segnato contro l’Ascoli però c’entra poco con il mio passato: stavamo perdendo, così sono andato a saltare su un angolo a favore ed è andata bene».

IDOLO – «Il primo in assoluto fu Francesco Toldo. Mi innamorai di lui grazie agli Europei del 2000. Le sue parate contro l’Olanda le ricordo ancora oggi, compresi i rigori neutralizzati. Di quella partita avevo anche la videocassetta che ho praticamente consumato. Ogni volta che la guardavo, mi dicevo dentro di mettercela tutta per diventare come lui. E’ nata così la mia passione per il ruolo del portiere».

PRIMO STIPENDIO – «Non era una cifra così alta (ride, ndr). Presi un paio di sneakers che ricordo ancora oggi con piacere perché sognavo da tempo di poter comprare qualcosa senza dover chiedere i soldi ai miei genitori».

MAGLIE – «Solitamente le mie le scambio al fischio finale con gli ex compagni di squadra che affronto. La maglia che invece non cederei per niente al mondo è quella di Buffon. Ho avuto il privilegio e l’onore di giocarci contro nel novembre 2020, era uno Spezia-Juventus».

PARTITA PERFETTA – «Sinceramente non te lo saprei dire perché perfetto vuol dire non aver sbagliato praticamente nulla. Se però devo citarne una, dico Perugia-Pisa, in Serie C, del 13 ottobre 2013: fu il mio esordio tra i professionisti, vincemmo 0-1 in trasferta al Renato Curi. Ad oggi, è quella la mia partita».

GIOCATORE CHE LO HA PIU’ IMPRESSIONATO – «Piotr Zielinski. Mi impressionò fin dal primo giorno di settore giovanile con l’Udinese, era ancora minorenne ma non c’erano dubbi sulle sue qualità. Pensai: ‘Se non arriva in Serie A uno come lui, non ci arriva nessuno».

PARTITA PIU’ SENTITA – «Frosinone-Empoli (3-3 ndr) per due motivi. Il primo, il più scontato: era il mio debutto in Serie A, giocavo con i toscani. Il secondo invece era dovuto al fatto che tornavo in campo dopo quasi un anno dall’infortunio alla tibia. Aspettavo quel momento da una vita, fu una partita che soffrii molto emotivamente. Poi ho preso il via e la tensione è sparita».

SPORTIVO CON CUI USCIREBBE – «Oddio, questa è difficilissima. Fammici pensare un attimo (passa almeno un minuto, ndr). Ok, ce l’ho: Novak Djokovic. Mi affascina molto la sua personalità in campo e fuori, c’è un motivo se è da anni il numero uno al mondo nel tennis. Come tutti però è un essere umano, per questo sarei curioso di parlare con una persona così forte e determinata».

PAZZIA FATTA PER LUI DA UN TIFOSO – «A Sassuolo, prima di una partita con lo Spezia, trovai in stanza una busta con una lettera da parte di un ragazzo. Mi scrisse che ero il suo punto di riferimento, mi emozionai molto perché ripensai all’Ivan bambino che sognava di fare il portiere mentre guardava Toldo contro l’Olanda».

MORTE DEL PADRE – «E’ un’esperienza di vita che non auguro a nessuno. Sono episodi da cui, per forza di cose, impari tanto. Impari a conoscerti meglio e ad affrontare difficoltà che non hai mai vissuto prima. La sua scomparsa mi ha fatto crescere a livello personale per andare avanti, dandomi a volte anche una spinta in più in campo».

DIVENTARE PADRE – «Non so trovare le parole perché è un insegnamento che ti viene dentro da solo. Sicuramente vuol dire avere maggiori responsabilità, spostare il focus della tua vita su una persona che dipende esclusivamente da te. La nascita di Alexander mi ha fatto capire cosa conta realmente nella vita».

TEMPO LIBERO – «Avendo un bambino di quasi due anni, al momento non ho molto tempo libero fuori dal campo. In passato ho suonato un po’ la pianola ma con scarsi risultati. Quando Alexander si addormenta, ho giusto il tempo di guardare qualche serie su Netflix prima di andare a letto».

DOPO IL RITIRO – «Spero che mi manchi tanto perché questa vita mi piace molto. Ho pensato a diverse cose, senza impegno però perché mancano ancora tanti anni. Mi piacerebbe allenare o intraprendere un percorso da fisioterapista per essere d’aiuto agli sportivi e rimanere in questo meraviglioso mondo».

MERITARSI LA LAZIO – «Penso a quella frase tutti i giorni, lavoro duramente in ogni allenamento e partita per dimostrare di essere all’altezza della Lazio, Poi chi mi deve giudicare, dirà se sarò in grado di difendere questa porta anche per il futuro, cosa che mi auguro con tutto il cuore».

COSA DIRE AD UN BAMBINO CHE INIZIA A GIOCARE A CALCIO – «Gli direi anzitutto di divertirsi e stare bene in compagnia dei suoi coetanei, Poi gli direi anche di non far diventare il calcio un’ossessione e di viverlo serenamente, senza tralasciare l’educazione e la scuola, sviluppando anche altri interessi. Divertimento e applicazione sono fondamentali in ogni campo»

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

capitolo finale

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich