Empoli-Lazio 0-2, Luis Alberto: “Stiamo crescendo. Lavoro e mentalità”

by Roberto Mari
0 comment Luis Alberto - Andrea Staccioli / Insidefoto

La Lazio espugna Empoli ed è seconda. Luis Alberto entusiasta

Una bella Lazio quella vista al Castellani che regola l’Empoli con un risultato all’inglese, 0 a 2, confermando di essere meritatamente la seconda forza del campionato. Luis Alberto rilascia le sue dichiarazioni a fine gara;

“Sarri è la prima volta che in due anni ha fatto complimenti. È così”

“C’è tanta soddisfazione. La Lazio è la quarta volta nella sua storia che arriva seconda. Volevamo chiudere così ed è un traguardo meritato per il lavoro fatto dai ragazzi quest’anno. Abbiamo fatto tante cose importanti tra cui 21 clean sheet. Il prossimo anno bisogna continuare la crescita. Per quanto riguarda la squadra ci vuole tempo, ma stiamo crescendo grazie al lavoro e alla mentalità. Lo scorso anno ci siamo qualificati per l’Europa League, quest’anno per la Champions League”.

La squadra

“Questa squadra è capace di tutto, ci manca qualche giocatore in più, adesso sarà più difficile con la Champions. Deve essere più continua e deve cercare sempre di vincere senza mai accontentarsi. Questa deve essere la mentalità. È la mia stagione più diversa. Ho dovuto cambiare il mio modo di giocare, ma quando si vince è tutto più divertente”.

“Sono cambiato tanto, anche l’atteggiamento. Ho fatto quello che mi chiedeva Sarri, alla fine sono tornato a giocare e mi diverto. Soprattutto quando in partita abbiamo possesso palla, è più divertente e sono più contento. Ho fatto tanti sacrifici, sono contento e alla fine l’importante è che la squadra stia bene. Quello che dice la gente non lo ascolto. Io dico quello che penso e continuerò ad andare avanti. Vediamo il prossimo anno dove possiamo arrivare se si continua così”

Vecchi problemi

“Io penso che ho avuto un momento in cui ho sofferto, come tutta la squadra. Era un momento di difficoltà per il cambio del progetto e tutti i movimenti nuovi. C’era bisogno di più fisico. Dal momento in cui ci siamo messi tutti a disposizione e quando abbiamo capito come fare, ho cambiato anche modo di giocare, è stato più facile rtrovarmi in campo. Quello che ho fatto in questi cinque mesi lo avete visto tutti”

“Per me è molto importante perché in sette anni che sono qui, ho fatto solo un anno la Champions. Significa che Siamo cresciuti, in due anni con un progetto nuovo arrivare al secondo posto sia tanta roba. Siamo la squadra che meno stupiva per giocatori, non ne possiamo cambiare tanti. Speriamo che il mercato ci aiuti. Quanto finisce la finale? Penso che vince il Manchester 2 a 0”

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

Logo Laziolive.tv

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich