Home Editoriali Va bene la rabbia ma…

Va bene la rabbia ma…

di Patrizio Trecca

Va bene la rabbia ma vogliamo bene alla nostra Lazio

L’ambiente laziale, già schizofrenico di per sé, ieri ha subito un altro brusco contraccolpo ad opera della beffarda sconfitta rimediata, praticamente a tempo scaduto, contro il Napoli. Va bene la rabbia, ci sta, ma bisogna trovare la forza di guardare avanti, prendendo, però, la realtà per ciò che è, senza “giocare” con l’amore del tifo laziale.

È indubbio che la Lazio di ieri abbia disputato un grandissimo primo tempo in cui avrebbe meritato non solo il vantaggio ma anche la doppia segnatura per la mole di gioco espresso ma soprattutto per la qualità eccelsa dello stesso.

Se a questo tipo di valutazione aggiungiamo il fatto che stavamo affrontando una squadra, sulla carta, a noi superiore, allora il dato è tratto.

È una sconfitta che fa malissimo, lo sappiamo, perché in qualche modo frena l’andatura di ottima qualità di questa squadra che però (dobbiamo riconoscerlo) ha grandi limiti, soprattutto nella qualità delle alternative ai giocatori titolari.

Ma c’è anche di più perché anche in alcuni elementi che col tempo si sono guadagnati la titolarità, alla lunga, è venuta fuori la qualità (di certo non da Lazio) per ricoprire un ruolo da titolare.

È inutile fare nomi, nessuno di noi è stupido e certe conclusioni arriviamo da sé.

La rabbia sta, però, nel fatto che alla lunga qualche acquisto del buon mercato della Lazio fatto la scorsa estate non si è dimostrato assolutamente all’altezza, ed anzi, soprattutto nelle ultime partite, i danni cominciano a vedersi in maniera concreta…

Ieri abbiamo perso contro una squadra a noi superiore, soprattutto nelle alternative che nell’economia del match hanno fatto assolutamente la differenza.

Detto ciò, non si può buttare tutto all’aria ma bisogna viaggiare tutti nella stessa direzione, in quell’unica direzione, evitando quelle “distorsioni” fastidiose alle quali nelle scorse settimane abbiamo assistito.

Scendo di più nel dettaglio della questione: mi riferisco a chi nelle settimane passate ha “pompato” la Lazio in una direzione, a mio modesto parere, sbagliata e nello specifico sto parlando del piazzamento in Champions League.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=RjD9ATIlrkg[/embedyt]

Ancor di più, a farmi male, sono le dichiarazioni di Tare che hanno assecondato questa lettura assolutamente distorta di questa Lazio.

È già, perché dobbiamo trovare la forza di essere obiettivi nel giudicare la nostra squadra del cuore ed ammettere che tutte le squadre attualmente sopra di noi in classifica, meritano di essere lì perché qualitativamente e quantitativamente sono assolutamente più forti della nostra Lazio.

Per cui, la mia speranza è che davvero si voglia bene a questa Lazio, innanzitutto restandole vicino, secondo poi evitando di farle del male, a lei e tutto l’ambiente biancoceleste, facendo credere che questa squadra può lottare per obiettivi assolutamente al di fuori della propria portata.

Pensiero di un semplice tifoso laziale, ferito dalla cocente sconfitta di ieri ma ancor di più dalle dolorose distorsioni che spesso disturbano l’ambiente-Lazio.

 

Lascia un commento

Potrebbe Interessarti

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich