Umberto Busani.

di Valentino Valentino

Umberto Busani.

Umberto Busani, detto Berto, nasce a Parma il 1° Febbraio del 1915.

Nato calcisticamente nell’OND Chievo, passa al Verona e successivamente al GC Vigevanesi. Con il team di Vigevano si mette in mostra, nel 1935, segnando in trasferta il goal della vittoria contro il Genoa 1893 (0-1).

Grazie all’allenatore Soutschek passa all’Alessandria, per sostituire Cattaneo, debuttando a S. Siro contro il Milan (soccombendo per 2 a 0). Con la maglia dei grigi gioca la finale di Coppa Italia (22 Settembre del 1935), perdendola con il Torino per 5 ad 1. Gioca 28 gare, con i piemontesi, realizzando 7 reti.

In quel periodo, Berto, veste la maglia italiana della Nazionale B.

Umberto Busani

Arriva alla S. S. Lazio, nel 1936, Società che, dopo aver prelevato Piola dalla Pro Vercelli, era in procinto di allestire una squadra che potesse puntare allo scudetto. Per lui, la Lazio sborsa la considerevole cifra di 400.000 lire, cifra ragguardevole per l’epoca.

Fa il suo esordio in casa, nel campionato 1936/1937, prevalendo sul Milan per 3 a 0. Termina quel campionato, con la squadra biancoceleste, al secondo posto in classifica a tre punti dal Bologna vincitore dello scudetto. Berto, inoltre, segna 15 reti, dimostrandosi un ottimo partner d’attacco per Piola.

Con l’aquila sul cuore gioca quasi sempre da titolare, saltando pochissime partite. L’attaccante gioca per quattro campionati con i Laziali, rivelandosi come un ottimo calciatore (106 partite, 38 goal).

Nell’estate del 1940, Umberto si trasferisce a Napoli. Con i partenopei disputa un ottimo campionato, poi scoppia la Guerra.

Umberto Busani. La guerra ed il fine carriera.

Umberto Busani, durante la Guerra, rimase in Campania,  continuando a giocare a Calcio e vestendo la  maglia della Frattese. Terminato il conflitto bellico, Berto ritorna a vestire la maglia azzurra della città di san Gennaro.

Nel periodo che va dal 1940 al 1948, l’attaccante emiliano veste la maglia del Napoli per ben 171 volte, segnando 48 reti. Termina la carriera di calciatore nella Casertana, dove nell’arco di due stagioni (1948 – 1950) realizza 22 goal nell’arco di 34 presenze.

Ritiratosi, Umberto rimase a vivere in Campania, dove gestì un negozio di articoli sportivi. Scompare, prematuramente, il 29 Ottobre 1957 a causa dell’influenza asiatica.

A soli 42 anni, la “spalla” di Silvio Piola lasciò tutti, mestamente, in fuori-gioco con la vita.

Lascia un commento

Potrebbe Interessarti

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich