Home Editoriali Sarri e il VAR

Sarri e il VAR

di Patrizio Trecca

Sarri e il VAR non si “prendono”

Ormai non è più un segreto il fatto che sarri e il VAR non siano mai stati in sintonia.

Nonostante io sposi in pieno la maggior parte della linea di pensiero del mister toscano, in questa circostanza, però, mi sento di prendere le distanze in merito alla sua interpretazione del VAR.

Sono fermamente convinto, invece, che l’approdo del VAR nel calcio italiano abbia di molto ridotto il margine di errore dell’arbitro.

È dagli anni 90 che ho assistito a battaglie più o meno forti in merito all’introduzione della tecnologia nel calcio, proprio nell’ottica di venire incontro alle direzioni arbitrali, e quindi ridurre in maniera sensibile il margine di errore.

Ma, soprattutto in Italia, tendenzialmente le cose funzionano così, ossia quando una cosa la si ottiene si trova sempre il modo, o i punti di vista, per criticarla.

Nello specifico del calcio di rigore concesso ieri sera al Porto,, prima di esprimere un giudizio, Io uso sempre un metodo, ossia invertire la situazione e mi chiedo:

E se non lo avessero dato alla Lazio quel rigore?

Ecco, vedendola da questo punto di vista, la mia risposta è che se non avessero concesso un rigore del genere alla Lazio, mi sarei molto arrabbiato. Quindi era un rigore che si poteva tranquillamente concedere.

Ma il discorso riguardante il fatto accaduto ieri sera alla Lazio, possiamo tranquillamente stenderlo allo storico di moltissime partite disputate in questi ultimi due anni, in modo da poter fare una valutazione, a mio modesto parere, più obiettiva in merito al delicato argomento del VAR.

È storico e provato che non sempre le novità vengono ‘digerite” nel modo giusto ma io resto fermamente convinto della validità e della fondamentale importanza relativa all’inserimento e all’aiuto (soprattutto) della tecnologia a supporto degli arbitri.

Certo, va anche riconosciuto che l’introduzione del VAR nel calcio ha cambiato il nostro modo di vivere le emozioni, frenando quasi la nostra spontaneità dopo ogni gol, proprio perché adesso ci si deve abituare al fatto che non sempre un gol realizzato possa essere convalidato.

Oggi, infatti, il tifoso non appena vede la palla gonfiarsi, esulta, sì ma sempre con un minimo di riserva, preso completamente dai fatti in campo nei secondi immediatamente successivi alla realizzazione del goal stesso.

In conclusione il VAR è stato un grande cambiamento che in qualche modo è andato ad insinuarsi nel tradizionale modo di “fare” calcio e di tifarlo nel suo complesso ma, per quanto mi riguarda, reputo fondamentale la sua introduzione, e la mia speranza e che mai possa essere messo in discussione.

 

Lascia un commento

Potrebbe Interessarti

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich