Home RubrichePiazza Della Libertà Ciak, azione, si gira! Nanni Loy

Ciak, azione, si gira! Nanni Loy

di Lazio Live TV

Ciak, azione, si gira! Nanni Loy

Giovanni Loy Dona’ nasce in Sardegna, a Cagliari il 23 Ottobre 1925. Fin da giovane ha spiccate doti artistiche e nel dopoguerra diventerà un validissimo attore , sceneggiatore , scrittore e regista . Vive la sua gioventù tra gli studi e gli orrori della guerra finché, terminato il conflitto mondiale, si trasferisce a Roma .

Nel 1948 conferisce il diploma presso il Centro di Cinematografia della capitale e diventa .. Nanni Loy !
Nei primi anni artistici , in Roma , fa da aiuto regista , documentarista e montatore di Goffredo Alessandrini , Luigi Zampa , Augusto Genina ed inizia ad appassionarsi e seguire la Lazio.

Dagli spalti del Flaminio ( e poi dell’ Olimpico ) segue assiduamente la Lazio ; vede giocare Sentimenti IV , Selmonsson , Tozzi , Lovati e tanti altri . Nancy professa e testimonia la sua Lazialita’ con educazione ed ironia , con intelligenza ed orgoglio come fa nella sua professione .
È un pozzo di creatività. Esordisce alla regia con ” Parola di Ladro ” nel 1957 , poi insieme a Gianni Puccini gira ” Il marito “. Consolida la sua vena ironica da laziale con “L’audace colpo dei soliti noti ” , ma si afferma nella serie A della cinematografia con due film sull’ Italia in guerra : ” Un giorno da leoni ” ( 1961 ) e ” Le quattro giornate di Napoli ” ( 1962 ).

La Lazio cambia casa , dal Flaminio all ‘ Olimpico , e Nanni dal cinema si trasferisce in televisione , in RAI, mai nascondendo la sua appartenenza alla Lazio . Riversa tutta la sua ironia , la sua capacità da regista ed attore nel 1964 con la trasmissione ” Specchio Segreto ” ( ricordate la scena della zuppetta della brioche , al bar , nel cappuccino altrui ? ) .

In quell’ Italia in bianco e nero porta tanto bianco celeste; diviene l’inventore della televisione moderna . Introduce con la sua telecamera nascosta un nuovo modo di fare arte … la Lazio lo esalta con Prini , Morrone e Governato.
Negli a venire produce tanti film : da ” Detenuto in attesa di giudizio ” (1971) a ” Viaggio in seconda classe ” , fa televisione e da tifoso segue e solo la Lazio ( più di una volta l’ho incontrato all ‘ Olimpico ! ) .

Sposato , con quattro figli , ci lascia all’età di 69 anni , il 21 Agosto a Fiumicino . Con lui si spegne un grande genio dell’arte , un gran signore , un laziale dalle grandi qualità umane.

Lascia un commento

Potrebbe Interessarti

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich