Home Calciomercato Atalanta, aria di addio per Sartori. E la Lazio?

Atalanta, aria di addio per Sartori. E la Lazio?

di Lazio Live TV
atalanta aria di addio per sartori

Dopo l’avvento degli americani tira aria di addio per Sartori

Nonostante Percassi sia rimasto a gestire il club di Bergamo, saranno molte le novità a partire dal termine di questa stagione, soprattutto a seguito della nuova proprietà battente bandiera statunitense. Tira aria di addio per Sartori e l’Atalanta guarda in casa del Verona.

La figura del DS è probabilmente la più discussa degli ultimi anni in casa Lazio e di certo non può far male guardarsi un attimo intorno, quando le coincidenze sembrano indicare una nuova strada. Dopo i rumors sull’interesse di Lipsia ed Eintracht nei confronti di Igli Tare, sembra arrivare al momento giusto la notizia dell’addio di Giovanni Sartori all’Atalanta.

Sartori fu artefice del miracolo Chievo nei primi anni del 2000, quando insieme a Campedelli e Del Neri portò i gialloblu a custodire alte posizioni in classifica, tanto da qualificarsi ai preliminari di Coppa Dei Campioni.

Nel 2014 è stato ingaggiato dall’Atalanta e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Sartori ha fatto crescere i bergamaschi in maniera esponenziale grazie a investimenti oculati e che quasi sempre hanno generato plusvalenze per la felicità di Percassi, dal punto di vista finanziario, e di Gasperini, dal punto di vista sportivo.

Risulta difficile capire come ci si possa privare di un DS che negli anni ha difficilmente fallito, ma a questo punto se Tare dovesse davvero lasciare la Lazio, sarebbe il caso di puntare su un DS che si sposi perfettamente con Sarri, abituato a valorizzare giocatori emergenti, o poco conosciuti. Inoltre sarebbe perfettamente in linea con la politica acquisti della Lazio di Lotito che, si sa, non naviga nell’oro.

fonte:sportitalia

Lascia un commento

Potrebbe Interessarti

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich