Home RubricheAmarcord AMARCORD: AREZZO LAZIO 0 1

AMARCORD: AREZZO LAZIO 0 1

di Luca Belardi
Lazio 1988

AREZZO LAZIO  0 1

Amarcord presenta le partite  che si sono giocate  nello stesso giorno di adesso. Andiamo a rivivere Domenica 17 aprile una partita che si è giocata 34 anni fa.

Quel giorno non si potrà dimenticare, quella giornata di pieno sole, una temperatura estiva che preannunciava l’arrivo della primavera. e quell’esodo di più di diecimila laziali a riempire lo stadio toscano.

Mentre la gente Laziale incominciava a riempire il comunale, si ascoltava l’inno dell’Arezzo che veniva sovrastato dal canto so già due ore dal popolo biancoceleste.

Quella stagione sarà l’ultima per la Lazio in serie B. Mai visto un  impianto sportivo riempito da due terzi, dai tifosi laziali.

L’anno prima la squadra biancoceleste, si salvò dalla serie C battendo negli spareggi di Napoli, il Campobasso 1 a 0.

Quella stagione  tormentata ormai era alle spalle, e quell’incontro in programma il 17 aprile, serviva alla Lazio per avere la convinzione e la quasi certezza della promozione in serie A.

Gabriele SavinoAnche se poi effettivamente la Lazio centrò la promozione solamente all’ultima giornata contro il Taranto vincendo 3 a 1.

Ma in quella partita mister Fascetti si sbilancio per la prima volta, parlando di una promozione quasi vicina.

Una partita tesa nervosa con la voglia di sbloccare subito il risultato. L’ansia, la preoccupazione era palpabile. Il tifo biancoceleste accompagnava la squadra a crederci.

Un goal di Savino a dieci minuti dalla fine del primo tempo, permisero ai ragazzi di Fascetti di amministrare l’intera partita.

Il secondo tempo viene giocato senza correre rischi. La Lazio affonda un paio di volte e Fernando Orsi ex portiere biancoceleste deve compiere due veri miracoli per salvare la porta Aretina, condannata all’ultima posizione in classifica.

Il sapore della serie A che si avvicina partita dopo partita, quel serpentone biancoceleste che a fine incontro invade la cittadina toscana, e che ritorna gioiosa a Roma.

La gente Laziale finalmente può tornare a casa con, la felicità e la convinzione, che quel sogno  pian piano si avvererà.

Rimarranno 9 partite da lì alla fine del campionato.

La Lazio otterrà cinque vittorie tre pareggi e solamente una sconfitta. Il preludio ad un campionato fantastico, fatto anche di alti e bassi, perché la serie B di allora era una piccola serie A fatta di grandi decadute del calcio italiano.

Dal baratro della serie C alla scalata nel massimo campionato.

Quella Lazio metterà le basi per poi diventare piano piano importante.

Antonio Rizzolo

Antonio Rizzolo

La serie B sarà solamente un ricordo che non tornerà più.

Il  ricordo indelebile saranno quei diecimila tifosi che hanno accompagnato la loro squadra, a vincere.

Quel giorno scese in campo al comunale di Arezzo, questa formazione.

Martina Marino Beruatto Pin Gregucci Esposito Savino Acerbis Galderisi Muro Monelli.

Da quella partita ad oggi sono passati 34 anni.

Lascia un commento

Potrebbe Interessarti

©2023 Tutti i diritti riservati Lazio Live TV

Testata Giornalistica - Autorizzazione Tribunale di Roma n°85/2022 - Direttore Responsabile: Francesco Vergovich